Home»Notizie»Una birra solidale

Una birra solidale

5
Shares
Pinterest Google+

Friends enjoying outdoors with the beer.

La solidarietà scatena tutti, e gli eventi che ci prendono per la gola, sono quelli che più attirano fondi, come, ad esempio, l’amatriciana per Amatrice.
Si, perché la tradizione gastronomica e il buon bere, in Italia, sono la ricchezza dei territori, le nostre radici, sono quello a cui non potremmo mai rinunciare.
Aiutare, attraverso questi principi, ci unisce e così si riesce a dare un maggiore sostegno.
Lo sa bene Unionbirrai (associazione che protegge le birre artigianali), da sempre sensibile ai bisogni e alla solidarietà, così la rivediamo di nuovo in prima linea per dare sostegno, questa volta, alle persone colpite dal sisma del 24 agosto 2016.
Come dicevamo, Unionbirrai non è nuova a queste esperienze e già due anni fa, in occasione dell’alluvione che colpì il modenese, creò una “birra solidale”.
L’intento non è solo quello di creare una birra, ma è quello di far nascere un prodotto dai mille principi e allora, qual’è l’idea che bolle in pentola?
Il progetto è creare una birra artigianale ad hoc, esclusivamente dedicata a questo evento, che sarà presentata e venduta, sia in fusto che in bottiglia, all’EurHop! Roma Beer Festival, attivo dal 7 al 9 ottobre e ci si augura un gran successo, giacché tutto il ricavato sarà destinato alle popolazioni colpite dal sisma.
Certo, una birra artigianale, ma non solo: è la filosofia con cui si realizzerà, ad essere eccezionale!
Per iniziare, il luogo dove il tutto avrà forma.
Come punto strategico, l’UB ha scelto un birrificio simbolo: la Vecchia Orsa di San Giovanni in Persiceto.
Questo birrificio, danneggiato a sua volta dal sisma che colpì l’Emilia nel 2012, si è rimesso in piedi e grazie ai suoi organizzatori, portatori di handicap e normodotati, ogni giorno riesce nella produzione di prodotti speciali, proprio grazie alla coesione delle persone che ci lavorano.
In questa occasione andranno oltre al loro quotidiano e ospiteranno mastri birrai, coltivatori e tecnici che collaboreranno tutti uniti, mettendo a disposizione il proprio sapere e le proprie esperienze per produrre questa birra di cui il nome si saprà solo il giorno del raduno, ma, già da adesso, sappiamo che riscontrerà il favore del pubblico.
Anche la ricetta è ancora sconosciuta, forse, si tratterà di una Golden Ale, ma si sa per certo che avrà una natura del tutto autoctona, a partire dal luppolo che verrà impiegato: rigorosamente italiano!
Non finisce qui: l’incontro incomincia alle 9 e chiunque voglia aderire lo può fare, dando così il suo contributo a questa onorevole causa.
Non possiamo che lodare questa iniziativa, augurando uno strepitoso successo.

FONTI E LINK:

https://www.facebook.com/Unionbirrai-139183266104987/

http://www.cronachedigusto.it/archiviodal-05042011/317-liniziativa/20057-2016-09-09-14-11-09.html

Previous post

MIB montello international beer 2016

Next post

In salotto con il birraio di Birra Ofelia.